Friday, April 04, 2008

Paris at my feet, Paris in the dust

La cast board.

Quante sofferenze, su quell'elenco di nomi.

A me stava per prendere un infarto arrivate a Les Mis l'altra sera, perche' quando vuoi vedere qualcuno veramente tantotantotanto e ti presentano una cast board di nomi in bianco su placchette nere, rigorosamente in ordine sparso e senza nessun senso logico alcuno, un tantinello di panico ti viene.

Cassandra c'e', Drew no. La Ampil nemmeno. Il resto dei nomi non li conosco e non c'e' ovviamente il personaggio che interpretano.
Mi viene il dubbio. Cerco la lista degli understudies, e ci sono non uno, non due, ma ben CINQUE nomi.
Minchia.

Quindi abbiamo avuto Jennifer Hepburn come Fantine (di solito fa la Crone), alta una quaresima e mezzo, una testa di piu' di tutti gli uomini del cast, bella voce, ma un po' harsh, I dream a dream l'ha cantata come se stesse avendo una colica.
Io nella mia testa la sento cantata da Kerry, quindi mi perdonerete se paragono tutte le Fantine a lei (anzi, FONtine, come dicono qui perche' sono dei precisini..), e Kerry la faceva infinitamente piu' dolce e soave, nonostante i growls.

Abbiamo avuto Joel Elferink come Marius, un incrocio tra Jack Black e il mascellone cattivo di Corpse Bride, senz'altro piu' presenza scenica del mingherlino titolare, non altrettanto annoying almeno. Mai come il primo che abbiamo visto, il biondino che era negli S Club 7 che era tanto bravo e che rimpiango amaramente..

Abbiamo avuto Paul Westhead (che faceva Grantaire l'anno scorso e ora e' dance captain e swing) che faceva un po' tutto, poveraccio, Combeferre e il vescovo.
E Roy Litvin come Thenardier, che come dice Manu e' poco chav e dice "liTTle THIngs" invece di "li'ol fings" e rende di meno.

Infine, il nostro caro 24601 era interpretato da Stephen John Davis, che se non erro e' addirittura la seconda cover. Ha un po' lo strilletto da Drew, ma anche dei belt alla John Owen Jones (anche se nemmeno paragonabili, eh..)

Il resto, il solito corollario di Enjolras pelatone e un po' legnoso, Alice di nuovo a scazzottarsi con Fantine alla fabbrica, il nostro solito Javert tutto d'un pezzo che non si capisce un cazzo quando parla ma e' tanto bravo, la La Barrie che non puo' dare tanto sfoggio come Mme Thenardier ma e' tanto brava, Cosette sempre piu' insopportabile e sempre cimiteriale col bavaglino, un Gavroche biondino mai visto prima..

E poi c'e' lei, Cassandrina piccina piccio'.
Stavolta l'abbiamo vista ancora da piu' vicino, ed e' bella da togliere il fiato. Prettyprettypretty. Dovrebbe essere illegale, andare in giro con un viso del genere.
Si sforza di essere fierce, ma e' cosi' piccola, col culetto appizzato e sempre sulle punte dei piedi per protendersi verso il suo Marius, con quel viso dolce e gli occhi luminosi...La possono sporcare e vestire da street urchin quanto vogliono, sembra sempre una contessina.
Il che te la fa amare infinitamente di piu' di una Eponine (anzi, 'ponine, sempre perche' qui sono pignoli..) incazzata e feroce, e quando muore con la camicia inzuppata di sangue sotto lo sguardo sconvolto dei studentucoli alle barricate, tu piangi. E con te il resto del teatro, a giudicare dal coro di sniffs.
Ti fa anche passare sopra il fatto che ha problemi di pronuncia delle parole che cominciano con LI o LE. Io lo trovo adorabile, questo suo conflitto con la dizione.
E' troppo pretty per dirle alcun che'.

Alla fine, tutti al bagno con le sciure che ti erano sedute di fianco, ad asciugarsi gli occhi tutte insieme, unite nel pianto liberatorio finale.
Ti senti meglio, dopo.
Hai di nuovo fiducia nell'umanita' e tutto e' piu' peaceful.
Le sciure approvano, e si soffiano il naso.

A livello audience, siamo ormai al bizzarro piu' bizzarro EVAH.
Convegno di tisici in sala, a quanto pare, visto che non c'e' stato un attimo di pace tra un colpo di tosse catarrosa e l'altro.
Insopportabile.
Poi, la scolaresca di qualche scuola di performing arts, seduti proprio dietro. Ad onor del vero, non hanno fiatato per tutte e tre le ore dello show, tranne l'unica deficente seduta dietro a me che ha dovuto mangiarsi le lecca lecca. Una al primo tempo, e una al secondo. Ma non le scartava prima dell'inizio della musica, NOOOOOOooooooo. Lei aspettava il calare delle luci, le proiezioni delle date sulla curtain, e POI le scartava. Piano e con precisione certosina. 10 minuti per aprire una chupa chups.
Infine, vorrei far presente che il Queen's non ha corridoio centrale, essendo vecchio, piccolo e polveroso. OVVIAMENTE io avevo le uniche due stronze, sedute proprio al centro a due sedili di distanza da Manu oltre un panzone megagalattico, che a meta' primo tempo, mentre Valjean decide se costituirsi o no per salvare un uomo innocente, hanno deciso bene di alzarsi e andarsense affanculo chissa' dove, facendo alzare tutta la parte sinsitra della fila, noi comprese.
Poi, dopo 20 minuti, sono tornate, riproducendo di nuovo l'effetto ola giusto nel momento in cui Valjean trova Cosette che vaga nel bosco col suo secchio per l'acqua.
OVVIAMENTE, non si sono sedute in tempo al secondo atto come tutti i mortali, noooooooooOOOOOOoooo. Sono arrivate con calma dieci minuti dopo, col panzone che faceva loro segno perche', OVVIAMEEEEENTE le due stordite non ritrovavano la fila.
Hanno concluso il secondo tempo fendendo il buio con uno dei loro cellulari a mo' di torcia. In continuazione. Lo brandivano tipo spada laser. Ho visto pure lo screen saver, era un paio di labbra rosse di un viso di donna.
Che bei momenti, che gioia.
Mai stata cosi' vicino all'omicio volontario.
Passerei i prossimi 19 anni della mia vita ospite di Her Majesty Prisons come Jean Valjean, ma con quanta soddisfazione, beata e martire nel mio ruolo di paladina dei theatregoers...

4 comments:

Manuela said...

pusy, io letto, io riconnessa apposta e ora io tardi a lavoro!!!!!

ics-gei-ics-failz-chiù

Marky said...

LOL alle due idiote panzone XDDD con il cellulare a mò di spada laser e lo screensaver con le labbra XD

Da bannare dai teatri per sempre..

NERWEN said...

Ma no, il panzone era con loro, loro due erano normali, tutte fighette..solo due gran scassacazzi.

BBB said...

Io mi ricordo ancora quelle due ragazzette tutte fighettine e tirate - avranno fatto forse forse 30 anni in due, diciamolo come attenuante - ad una pomeridiana di "Fame!" (con Julie protagonista, non vi dico...). Roba che queste si sono presentate per occupare due posti poco oltre il mio mooooolto dopo l'inizio dello show, altro che luci che si spengono (si stava già a "I want to make magic" con nicpiazza che si beltava fuori i polmoni). Il mio piccolo cuore di theatregoer sensibile non poté reggere a tanto scempio, e dalla mia boccuccia di rosa uscirono, al passaggio delle due fanciulline in fiore, parole certo indegne della mia regalità, e che non riporto qui perché la regalità di Nerwen e del suo blog non sono certo da meno.
La cosa è che poi, dopo l'intermission, le dette very spoilt brats non si ripresentarono, né puntuali, né mai. Il mio cuoricino di theatregoer sensibile sospetta che il loro neuroncino solitario non avesse capito che lo show non era finito :-X

vgcty (chiaramente sta per veggie city e mi reclamizza un nuovo ristorante vegetariano - aiuto, ve prego, mi occorrono proteine!)