Saturday, April 19, 2008

Ok, oggi bambini parliamo di come si fa un musical per stupidi: Gone with the Wind.

Basta mettere in bocca agli attori le frasi esatte delle azioni svolte in scena, affinchè anche l'ultimo idiota nel circle capisca cosa sta succedendo.



Allora, siamo in 6, tra cui il mio boss e la collega della Repubblica Ceca che non ho capito come l'abbiano assunta visto che non ha idea di quale produzione è in quale teatro e dov'è il teatro (praticamente la metà del lavoro che facciamo al TKTS).
Essendo gratis mi aspettavo postacci di merda, invece siamo in prima fila.

Il palco è immenso e circolare, per quanto si sforzino però l'azione è sempre e solo rivolta a noi del blocco di mezzo.
Dire che siamo davanti al palco è riduttivo. Il palco finisce SOPRA le tue ginocchia. Durante l'intervallo ci abbiamo appoggiato gelati e programmi e ci siamo sdraiati sopra tipo sul banco a scuola.
Ogni passaggio di gonne femminili scatenava una brezza molto apprezzabile, a volte la vicinanza è però fastidiosa, soprattutto quando Darius/Rhett mangia la faccia a Jill/Scarlett a mezzo metro esatto dal tuo naso.
La casa/portico centrale ruota di 360°, diventando di lato in lato Tara, le 12 Quercie, Atlanta, casa di Melanie, casa di Rhett e Scarlett, il Saloon, un botteghino di giornali.
Ai lati, vengono fatti slidare rumorose piattaforme che aggiungono stanze alla casa/portico centrale, tipo la stanza dove Scarlett trova le tende verdi per farsi il vestito, la cameretta di Bonnie, la stanza dove partorisce Melanie, la stalla dove Ashley taglia la legna, la prigione dov'è rinchiuso Rhett.

Dal palco tondo, ai due lati della nostra piccola fila di 6/7 posti, scendono giù due pedane che si incontrano nel mezzo degli stalls, formando un altro cerchio in mezzo alla platea dove i soldati partono per la guerra, dove le donne di Atlanta vanno via scandalizzate dal comportamento di Scarlett, dove Melanie e Ashley si rivedono dopo Gettisburg.
In alto, nel circle, due braccia di palco permettono ai personaggi morti di raccontarti cosa stai vedendo, perchè sei stupido e hai bisogno che te lo dicano. I parenti lontani leggono a voce alta quello che in scena i personaggi trovano scritto nelle lettere, le donne e i soldati commentano il tempo e le stagioni recitando come un brutto Shakespeare ('Era un aprile caldo, e il sole brillava su Tara!'. Giuro), il vecchio O'Hara fa battute poco spiritose su quanti soldi ha perso al gioco.
A destra in alto un albero fatto di fucili, tutto intorno poster innegianti al glorioso sud o alla liberazione degli schiavi.

Con queste premesse, partono quindi tre ore e mezza di schiavi neri della piantagione che sentono il bisogno di dirti ogni cazzo che va in scena.
Voglio dire, se Scarlett arriva correndo, mima il gesto di chiudersi a chiave in una stanza e legge a voce alta una lettera presa da uno scrigno, non ho bisgno di una nanerottola di colore che mi dice 'Scarlett corse nella stanza, chiuse la porta a chiave, prese la lettera e la lesse'.
Sono cretina, ma non COSI' tanto.

Tutto così. L'ensamble si affolla urlando viva le truppe e baciandosi a vicenda? bè, i tizi dell'ensamble devono dire, mentre lo fanno 'I cittadini di Atlanta si affollano nelle strade inneggiando alle truppe!' e 'Le donne si baciano e si abbracciano!'.
Scarlett mette i piedi in una tinozza dopo una dura giornata nei campi di Tara quando sente arrivare il soldato nordista che la vuole derubare? La nera di turno, ai bordi della scena, deve dire 'Scarlett mette i piedi nella tinozza dopo una dura giornata nei campi, quando sente un rumore..'
E poi gli schiavi di Tara, che ad ogni 'ciao, noi andiamo a *inserisci posto a caso*', tutti insieme si radunano sotto il portico e si sbracciano dicendo un flebile 'Byyyyyeeee...'. Alla terza volta il pubblico rideva per compassione.
Tutto. Così.
Roba inutile che va solo buttata al cesso, anche solo per evitare la faticaccia che fanno sti poracci in scena.

In più l'aggiunta di dialoghi a prova di deficente simil tenelovela del Trio Solenghi/Marchesini/Lopez, mancavano giusto il 'vuoi bere qualcosa, Pedro? Bevi qualcosa, Pedro!'.
Del tipo: 'Figlia, te l'ho già detto e te lo ripeto: *inserisci dettaglio che il pubblico non sapeva*' 'Lo so madre che *inserisci dettaglio che ti è appena stato detto e quindi adesso lo sai*', o 'abbiamo incontrato un predicatore, e diceva cose sagge.' 'dicci, cosa ti ha detto il predicatore?' 'il predicatore ha detto che dobbiamo essere tutti fratelli' *parte canzone sulla fratellanza che non c'entra una mazza con Via Col Vento*

Si perchè di musical trattasi, e quindi il tutto è inframezzato da canzoni assolutamente inutili e pronte da tagliare e mandare al macero. Nessuna memorabile (e dico NESSUNA), due o tre numeri fatti dagli schiavi incredibilmente inutili e strappa pplausi, più adatti al Colore Viola forse..

Tre colleghi, tra cui il capo, se ne vanno a fine primo atto.

Io, Richard e la collega rimaniamo, imperterriti.
A metà del secondo atto se lo ricordano anche loro in scena che questo, in realtà, sarebbe un musical, quindi partono numeri coreografati (finalmente, dopo 3 ore..), e un ritmo serrato di canzone/due battute/canzone/tre battute/canzone.
Arriviamo stremati alla fine, e questi vogliono pure che battiamo le mani a ritmo dell'inopportuno gospel al curtain call (ah, non c'è ovviamente curtain. Gli attori entrano in scena al primo atto salutandosi e facendosi gesti come colleghi che entrano in ufficio dopo il week end a casa, e se ne vanno come niente fosse).

Persino il recorder si è rifiutato di registrare, ed è morto dopo 2h e 42 minuti.

Ora, a parte gli stupendi costumi (si vede che ci hanno speso due soldi, hanno risparmiato in compositori..), qualche idea brillante di messa in scena, gli adorabili bimbi che fanno i figli di Scarlett, qualche ottimo membro dell'ensamble e l'aitante Darius/Rhett, l'unica cosa che varrebbe 60 sterle di biglietto è lei, Jill Paice.
Magari l'avrete vista in Woman in White, se siete fortunati l'avrete vista in Curtains.

Instancabile, eterea e terrena al tempo stesso, bellissima nella parrucca bruna e riccioluta di Scarlett, occhi verdi e fossette sulle guance, perfetta. Cantante non sbalorditiva, ma costante, ottima nell'operatic e combattiva nei pezzi più contemporanei. Attrice eccezionale, macina palco e canzoni senza perdere il ritmo nemmeno per un secondo.
Ha il viso da elfo e il punto vita di una fottutissima vespa.
Ti fa venire voglia di bitchslapparla quando è la petulante Scarlett a 17 anni, ti fa venire voglia di salire sul palco a dare una mano alla piantagione quando è sola a mandare avanti una famiglia nel mezzo di una guerra.
Rhett/Darius la smanazza, la shakera, la tira su come fosse di pezza, le mangia via la faccia quando la deve baciare.
Lei si fa gli ultimi 15 minuti di show con la faccia devastata dalle lacrime e dai singhiozzi, e arriva agli inchini perfetta e sorridente.

Un posticino nel mio cuore, con su scritto 'riservato'.

Oggi ho sentito uno dei colleghi che ha dato forfait al primo atto, ha detto 'si, me ne sono andato perchè era orribile, mal recitato, mal scritto..sai, io scrivo musicals, quindi sono molto picky su quello che vedo..'
...
....
.....
Ah, bè, allora. Lavoro con Boublil e non lo sapevo.

Ora ho 3 giorni off, siamo andate in esplorazione del luogo dove terremo il ricevimento ed era chiuso, mia nonna peggiora in ospedale, settimana prossimo comincio l'addestramento da manager e io non so che fare.
Si accettano suggerimenti.

5 comments:

YB said...

Tutte le fortune tu eh? Pure Boulbil come collega!
Sto ancora rotolando comunque e m'è venuta una voglia di vederlo 'sto musical for dummies che non ti sto neanche a descrivere.
Suggerirei come modifica pre-prima un inizio del tipo "Once upon a time, not so long ago, in a land not so far away lived a spoilt brat"

YB

Marky said...

Quanto gli diamo a questo show? 3 mesi e poi la tanto agognata chiusura?? :P perchè da quello che scrivi sarebbe da chiudere anche domani eh XD

hcyhqssb, che in lingua originale ood significa 'ciao' :P

ok, la cretinata di turno l'ho detta :P

BhMh said...

Ma LOL ho riso a tutto, che infinita tristezza.. temo che il Marky abbia ragione, diamogli 3 mesi xchè siamo buoni! XD

valex said...

zxmkqtaa!

BBB said...

Ooooh... ma che voglia di vederlo che mi hai fatto venire... già prima l'epopea di Scarlett non era proprio in cima alla lista dei miei must-see, ora direi che siamo alla fase del mancosemeloregalano. Dai, magari sopravvive fino ad agosto per sperare in un'ondata di turisti che cedano al richiamo del titolo familiare, ma poi...

bksrv!!