Sunday, September 23, 2007

I couldn't be happier

Ma dite sul serio?
Cioè, sta cosa della Goggi che pianta in asso Mike a Miss Italia perchè si è risentita...è vera? Si è offesa perchè non l'hanno chiamata in scena subito, ma mezz'ora dopo, come una velina qualunque? Se l'è presa a male perchè hanno chiamato prima Fiorello e poi lei, ha fatto tipo Paride, e si è chiusa in tenda e basta, non gioco più?

Ma staremo scherzando o che? Giuro che se la racconti in giro la gente non ci crede.
E adesso scommetto che il paese intero è lì a dibattere su sta cosa, eh?

A volte mi domando se sto facendo la cosa giusta, se non stavo meglio a casa con mammà, i miei 800 euro al mese e i week end a Ostia Beach.

Poi mi arrivano ste notiziole, come sto filmato che Mark ha passato a Manu, e ritrovo il senso del mio essere qui. Del mio non avere una televisione. Del mio vergognarmi talemente tanto di essere italiana, da far finta, sempre e comunque, di non esserlo.
A parlare inglese anche se non è necessario.
Sono arrivata a dire di chiamarmi Clare (senza i, mi raccomando) pur di non dire il mio nome e rivelarmi italiana al coglione di turno.

Dopo un filmato del genere, cosa si fa? Con chi te la pigli?

Quindi, già che c'ero, mi sono fatta un giro su Youtube, e mi sono sventrata di filmati di Beppe Grillo.
Ti voglio bene Beppe, ma mi dispiace che sprechi fiato, tempo, soldi e fegato per un popolo becero come il nostro.
Alla fine, i coglioni che annuiscono estasiati ai tuoi monologhi sono gli stessi che il giorno dopo vanno nel pubblico di Amici di tua sorella o come cazzo si chiama, o perchè no? A Miss Italia.
Cmq grazie a Beppe posso andare almeno a dormire tranquilla, sapendo che almeno un italiano su 58 milioni vale il suolo su cui cammina.

Intanto io me ne sto qua, sperando che domani sia, non dico bello, ma quanto meno non piova, che tocca andare a trovare Samera che ha avuto la seconda figlia e non abbiamo ancora capito come cazzo l'abbia chiamata (capirai, la prima si chiama NADYYAH, figuriamoci...) o dovecazzo abita, e devo ancora incartare i regali che ho comprato oggi da Hamleys, tra l'altro svenandomi.
Ecco.
Li mollo in massa, i miei confratelli italiani, e non me ne pento manco un pò. Ma proprio manco un pochetto.

E...signora Goggi? Lorè? Non te incazzà, stattene a casa tua che è meglio, abbi un pò di dignità.
Se ve ne è rimasta.

10 comments:

Mark said...

Aspettavo un tuo post su sta cosa XD!

Non so se sta cosa sia vera o no, tendo al si con scusante motivi di soldi.. so solo che sono rimasto sconvolto XD

Buona visita oggi e LOL al nome della prima figlia XD :P

London's Bad Idea Bears said...

Standing ovation e 92 minuti di applausi... nonostante mi lasci dietro persone e bestiole a cui tengo un casino e un sole molto poco autunnale, non vedo l'ora stasera di ripigliare il mio aereo per Londontown.
YB

bhmh said...

Eeh bè, siamo ridotti così, che ci devi fare.. sei fuggita, hai fatto solo bene!

Io non sopporto Beppe Grillo, non so xchè. Dice cose giuste eh, questo indubbiamente, però mi sta sul culo, è più forte di me, dopo 2 minuti che lo sento parlare devo cambiare canale..

Anonymous said...

heila!
ti dico solo che ho saputo la notizia della goggi dopo di te :)
la tv italiana è meglio lasciarla perdere...cosa non si fa per alzare l'audience :( :(

clau

Nerwen said...

Il posto l'abbiamo trovato, è dove abiata la nostra Rowley Poley....:P
La figlia si chiama SADYAH, è caruccia, un pò pelosa e dorme come un macigno, facendo facce strane e poi svegliandosi alle 3 di notte per la gioia di papà Aamir e mamma Samera.
Intanto siamo andate per portare doni e supporto e invece abbiamo mangiato samosa, patatine e torta al cioccolato a sbafo. Lasciando un macello in salone.
AH!

Io quando sento parlare Grillo lo abbraccerei forte. Solo per la passione con cui dice le cose, sti cazzi dei consigli di amministrazione di Telecom, morissero tutti quanti sono..
Ma non mi pento di non aver toccato un telecomando in un anno perfetto.

Valeriaccia said...

Ti dirò, io credo che ogni tv di ogni Paese del mondo abbia la sua merda. Gli americani ci danno Buffy, Friends, SatC, ma poi hanno un sacco di schifezze che puoi solo chiederti chi è più colpevole: chi ha pensato il programma o chi lo manda in onda.

Tu per prima sai che non difendo con piacere gli italiani, e che anzi quando posso mi sfogo contro, però credo che abbiamo tutti ecceduto in generalizzazioni (tipiche del cittadino medio italiano, tra l'altro).
Te lo dico perché è per colpa di queste stesse generalizzazioni che adesso sto col culo per terra. Siccome appare che tante persone di un popolo sono così allora di riflesso tutti lo sono, e invece no.
Qui nessuno dà casa agli italiani perché i tipici connazionali fanno festini e non pagano l'affitto, e siccome molti sono così allora TUTTI gli italiani siamo così, e siccome io sono italiana io non trovo casa.
Ecco cosa mi dà fastidio, le generalizzazioni.

Io ti, anzi vi ho sempre dato ragione, anche io penso che in generale quello italiano è un popolo senza speranza, però ricordatevi entrambe che per quanto lo nascondiate (e anche io ci provo, ogni tanto) non siete inglesi.
Siete nate italiane, ma come lo sono nata io e tutti gli amici che abbiamo in comune in suolo italiano e che non guardano Amici, GrandeBordello e a cui non gliene frega niente se la Goggi ha le scalmane da menopausa.
La vergogna non è di essere italiane, Nè, è di essere cittadini disinteressati-disincantati-disinformati come ce ne sono in tutto il mondo. A me è quel tipo di gente che fa schifo,ma se devo dire "Odio gli italiani, li schifo perché blablabla" allora no, mi zitto, perché io sono cresciuta in Italia ma non sono come viene dipinto l'italiano medio, e sono circondata di gente che è come me: italiana, ma non per questo cogliona.

Bacio, e sperando di trovare un appartamento.

Nerwen said...

Ma forse non sarà per colpa degli italiani che fanno i festini, che tu ti ritrovi col culo per terra? se i tuoi connazionali (non tutti, ma di sicuro 8 su 10) fanno merda in giro per il mondo, te la prendi coi spagnoli prevenuti? io me la prenderei con quei cazzoni in Erasmus che si iniettano la sangria direttamente in vena, a discapito di chi va a studiare o a lavorare seriamente.

Morgan said...

Mado'...
ma soprattutto... i problemi di sta gente sono che entri in scena 5 minuti dopo quando ci dovevi entrare. Minchia, ma stai a pensare a quanto sei fortunato che te in scena ci PUOI entrare! Mentre c'è gente che si smazza tutta la vita e magari lo merita più di te e invece non ha manco 10 secondi di meritata gloria (mi escludo dal discorso).

Per il resto... io sono fiera di essere italiana per la storia che ha avuto il nostro paese, ma sono totalmente convinta che stia sprofondando in una cacca (per essere fine) profonda. Che se Valeria non trova casa è effettivamente colpa dei testine di minchia che girano il mondo solo per fare casino facendo finta di studiare, e che quando andiamo a Londra quelli che non stanno a destra sulle scale mobili o che fanno casino senza motivo o che si piazzano in gruppi da ottocento davanti al primo ingresso al binario della metro rompendo i maroni a tutti quelli che arrivano e vorrebbero invece avanzare... 3 volte su 4 sono italiani. E quindi anche a me viene istintivo zittirmi. Non sia mai che qualcuno mi ci senta parlare la stessa lingua e pensi che sono con loro...

Nerwen said...

Ovviamente Valex, sono la prima che si gonfia di orgoglio a qualunque menzione di un grande della storia italiana, un politico, un compositore, un regista, anche solo se la gente usa termini italiani per la musica e manco se ne rende conto.
Cio' non toglie che siamo diventati un paese di cerebrolesi, dove quello 'normale' e' l'eccezione.

Cmq e' un ossimoro in termini, trovare roba intelligente nella tv italiana e' assolutamente impossibile, imploderebbe l'universo come quando BhMh entra in chiesa..

Manuela said...

Le generalizzazioni nascono sempre da un fondo di verità. Se io generalizzo, è perché vivo in una città dove gli italiani li riconosci, perché sono:
quelli che parlano sempre a voce altissima
quelli che non sanno esprimersi per chiederti niente
quelli che vengono a parlarti nella LORO lingua, pure se tu vivi in un paese diverso e quindi non sei tenuto a saperla.
Questa non è una generalizzazione, questo è il profilo di 99 su 100 italiani che mettono piede da me e quell'1 su 100 restante, generalmente, è uno dei miei amici.

Non sarò inglese di nascita ma lo sono sicuramente più per spirito di quanto io sia italiana per spirito, la mia carta d'identità dice italiana, pazienza, ringraziando il cielo la gente che incontro mi dice che non mi ci farebbe italiana, e sai perché? PERCHE' SO PARLARE INGLESE.

Il paese dove nasci non si sceglie, così come non si sceglie la famiglia, quindi io posso eccome dire odio gli italiani, non mi sento italiana, quindi non è un ossimoro, non sto dicendo che odio me stessa, sto dicendo che odio quella massa di ignoranti con cui mi confronto sul posto di lavoro, che li rimanderei tutti a casa indietro a calcioni a studiare finché non sono in grado di pronunziare due espressioni base in terra straniera, altro che "ESCHIUS MI, DO YOU HAVE SKI ABBIGLIAMENT'?" o la famiglia di toscani deficienti che l'altro giorno mi diceva "PIENARE! PIENARE!", che nemmeno è parola della lingua italiana, riempire volevano dire, quei mentecatti. RIEMPIRE.