Wednesday, November 02, 2005

R.I.P.

La linea tra il macabro e il grottesco è molto sottile.
Infinitesimale.

In Messico El dia de los muertos è una festa baccanalesca, gli scheletri sono dolci da mangiare o fantocci da burciare. Si puliscono le tombe e poi si mangia fino a star male, un brindisi alla vita.


In Tibet gli scheletri danzano durante le fiere o vengono dipinti in un eterno coito sulle pareti dei monasteri (o lo erano, prima che fossero distrutti..), ricordando beffardamente che tutto è polvere, tutto è reale e l'opposto di reale.


Qui no. Siamo troppo occupati a prenderci sul serio.

Mentre Woody Allen scopre l'acqua calda ("Invecchiare è orribile. Ti deteriori fisicamente e puoi muori." Buongiorno. Dopo 70 anni di vita, 6 figli adottati e non, una ex moglie gonfia di botox da far paura e una moglie attuale di 35 anni più giovane, caro il mio Woody, un'avvisaglia anche minima dovrai pur averla avuta..), mentr Ruini ha deliri di onnipotenza ("Wojtyla è vicino a noi, come lo sono i parenti e gli amici", perchè lui evidentemente ha la linea diretta col Boss, ha il telefono rosso come Batman, lui SA. Preferivo la Kidman matubiana in The Interpreter, che non nominava i morti.), mentre simpatici studenti inventano un luogo virtuale dove poter commemorare i morti (per chi non ha tempo da perdere al cimitero) e tutta Roma va all'Auditorium per parlare di un poeta/scrittore/regista morto ammazzato 30 anni fa, mentre accade tutto ciò mi si dice che per fare un funerale si spendono svariate migliaia di euro, causa Carobare.

Tra pompe funebri (perchè mi dovrei far vestire, truccare e comporre come un playmobil da uno sbarbatello con infranti sogni artistici??), messa, prete e organista (perchè dovrei pagare il pizzo alla chiesa e far pregare per la mia anima peccatrice, quando non credo nemmeno nell'esistenza dell'anima? E perchè a tempo di musica, poi??), bara e trasporto col carro (mille euro di legno, ottone e raso trapuntato? ma perchè? Così sto più comoda mentre mi faccio divorare dai vermi?), fiori e corone varie (perchè?? Così si toglie la puzza di putrefazione?), partecipazioni e necrologi (ma perchè dovrei avvertire amici e parenti da una pagina de Il Messaggero? Se schiatto e non se ne accorge nessuno devo pure sobbarcarmi IO l'onere di diffondere la lieta novella?) e sepoltura partono tranquillamente 4mila euro. E meno male che a sto punto sarei già schiattata, sennò morivo alla presentazione del conto.



Ma estirpatemi ciò che ancora ho di buono (ho 10/10 di vista, se interessa a qualcuno in cerca di occhi..), bruciatemi e buttatemi da qualche parte, possibilmente non in mare aperto che ho paura.
Magari sotto un albero.
Ma se proprio dovete commemorarmi e ricordarmi, vi lascio qualche bella foto, eh?
Mi fate un simpatico altarino.
Con poco incenso però, che mi da fastidio.

No comments: